Matarrese: “Non ci sono soldi, Bari in austerità”

Da barisera.net

“Non ci sono le risorse finanziarie necessare per far fronte ad investimenti importanti nel mercato di gennaio. Tuttavia la società farà il possibile per inserire in squadra i rinforzi adeguati per risolvere i problemi di rosa”. E’ un Matarrese che veste i panni del padre di famiglia in difficoltà quello visto questa mattina in occasione della conferenza stampa convocata dal patron biancorosso, dopo settimane di silenzio, e alla quale hanno preso parte anche il direttore generale Claudio Garzelli e il ds Guido Angelozzi. Continua a leggere

L’impegno di Antonio Bellavista per forgiare nuovi piccoli talenti

Da barisera.net

Ci si potrebbe chiedere come mai un ex calciatore, capitano e bandiera del Bari, una volta appese le scarpette al chiodo, decida di lanciarsi in una nuova sfida, costruendo dal nulla un centro sportivo invece di intraprendere strade più sicure. La risposta a questa domanda è tutta nelle parole di Antonio Bellavista: “Nella zona di Bitonto non ci sono molte strutture sportive dedicate ai ragazzi. Io, e come me molti altri, sono nato (calcisticamente) “per strada”. Ricordo molto bene le difficoltà che ho incontrato sul mio percorso, per questo ho voluto mettere a disposizione delle nuove generazioni una struttura che gli permetta di dimostrare tutto il loro valore”.
Così oggi, sulla ex statale 98, all’altezza di Bitonto, spegne le prime tre candeline della sua storia il Centro Sportivo Bellavista. Due campi di calcio a sette ed uno di calcetto, realizzati con materiale atossico. Piante esotiche, muretti a secco e la cura per i particolari che non ti aspetti da un centro calcistico, almeno per quello che si vede a Bari.
La scuola calcio, supervisionata dall’ex capitano, conta oggi 285 iscritti, che vanno dai primi calci agli Allievi. “Tutti ragazzi provenienti da Bitonto e dalle frazioni vicine – afferma Bellavista – che spesso però non hanno la possibilità di raggiungere il Centro autonomamente. Ed è per questo che abbiamo istituito il servizio navetta. In questo modo cerchiamo di eliminare un altro ostacolo alla crescita sportiva dei nostri giovani”.
A riprova del buon lavoro svolto in questi tre anni dallo staff della Polisportiva, si possono portare le partecipazioni ai campionati giovanili. In particolare, gli Allievi hanno preso parte al campionato provinciale ed i giovanissimi a quello regionale. Risultati di tutto rilievo per una new entry del calcio pugliese.
Quando poi chiediamo a Bellavista se fra i suoi ragazzi vede qualcuno in grado di percorrere la lunga strada verso il calcio professionistico, la risposta, per quanto cauta, lascia trasparire un misto di orgoglio (per il lavoro svolto) e speranza (per il futuro): “nomi non voglio e non posso farne, ma fra le nuove leve, i più piccoli, ci sono alcuni elementi che di sicuro fra qualche hanno faranno parlare di sé”. Parola di Antonio Bellavista.

Aurora, Wonderful e Virtus alle finali regionali giovani

Da barisera.net

Si è conclusa domenica la fase a gironi dei campionati regionali Allievi e Giovanissimi. Sono stati sciolti, quindi, anche gli ultimi nodi relativi alle squadre che avranno accesso alle fasi finali dei tornei. Tali fasi si disputeranno in due gironi da quattro squadre ciascuno, a cui avranno accesso la prima classificata di ogni girone più la migliore seconda. Le prime classificate nei gironi delle fasi finali disputeranno poi la Finale per il titolo di campione regionale.

Nel campionato Allievi a passare il turno sono: la Cosmano sport (girone A); l’Olimpia Sacro Cuore (girone B); la barese Aurora seguita dalla Don Uva calcio, passata come migliore seconda grazie alla differenza reti (girone C); la Wonderful S. Spirito (girone D); la Red Boys (girone E); la Pro Italia Galatina (girone G). Nel girone F spareggio tra Sporting Manduria e Orsa Maggiore, entrambe capolista con 46 punti all’attivo.
A retrocedere verso il campionato provinciale di categoria sono invece le ultime tre classificate di ogni girone. Nei gironi C e D, i quali ospitano le baresi del campionato, retrocedono: Silvium Gravina, Stella Rossa Bisceglie, Palese, Juve Club Gioia del Colle, Real Adelfia e Modugno.
Ad accedere alle fasi finali nel campionato Giovanissimi sono, invece: Cosmano sport (girone A); Andriensis (girone B); Puglia sport Altamura (girone C); Virtus Calcio Bari e Polisportiva De Gregorio, migliore seconda del campionato (girone D); Diavoli rossi (girone E); Salento Football (girone F); Virtus Casarano (girone G). Le regole di retrocessione penalizzano, nel campionato giovanissimi, soltanto due squadre per girone. A retrocedere nei gironi C e D sono: Olimpia, Avanti Delfini Altamura, Real Adelfia e Soccer Team Monopoli.
Le fasi finali dovrebbero avere inizio, secondo quanto prevedono i responsabili della Figc, il 21 marzo. Nessuna notizia circa la composizione dei gironi che, tuttavia, come prevede il regolamento, sarà determinata secondo il “criterio di vicinitorietà fra le squadre interessate”. Le baresi impegnate in queste fasi finali si troveranno con ogni probabilità a contendersi, all’interno dello stesso girone, l’unico posto in palio per la finalissima del campionato regionale.

Tisci: “Il calcio giovanile è in crescita”

Da barisera.net

Continua l’impegno di Vito Tisci alla guida dal calcio pugliese. Già segretario del Comitato regionale Figc-Lnd nel 1982, stella al merito del Coni e Cavaliere della Repubblica nel 2004, oggi è al suo secondo mandato da presidente del comitato regionale Figc-Lnd. Siamo andati a trovarlo nella nuovissima sede della Figc regionale, per fare il punto sul movimento giovanile barese”.
La settimana scorsa Lei ha presieduto la cerimonia di presentazione dei caledari dei campionati regionali Allievi e Giovanissimi. Quali pensa siano le premesse dell’imminente inizio di stagione?
“Le premesse sono sicuramente incoraggianti: alla presentazione dei calendari di venerdì scorso è accorso oltre l’ottanta per cento dei presidenti delle società pugliesi iscritte ai campionati Allievi e Giovanissimi, e questo nonostante le condizioni meteo particolarmente avverse di quel giorno. Penso che questo sia un segnale importante di vicinanza al lavoro del Comitato da parte delle società”.
Domenica prossima prendono ufficialmente il via i campionati. Sono 164 le squadre iscritte fra Allievi e Giovanissimi, sono numeri importanti. Cosa si aspetta dal movimento giovanile pugliese?
“Il mio auspicio è che il calcio diventi sempre di più uno sport che sia, prima di tutto, fonte di educazione di vita, senza l’esasperazione della ricerca del risultato. Mi aspetto fair-play, rispetto dell’avversario e grande aggregazione, pur nel contesto agonistico che è il piano su cui noi tutti dobbiamo muoverci. Per quanto riguarda i numeri, c’è da dire che la Puglia è da sempre una delle regioni con la maggiore presenza di squadre giovanili sia pure (squadre che svolgono solo attività giovanile) sia professionistiche (società che militano in campionati professionistici e contestualmente non abbandonano il settore giovanile)“.
Circa un terzo delle squadre iscritte proviene da Bari o dalla sua provincia. E’ un segnale incoraggiante per il futuro del calcio barese. Cosa ne pensa?
“Sì, la città di Bari ha sempre profuso energie e risorse per l’attività giovanile. La grande affluenza di squadre da questa provincia e la formazione dei calendari in base al metodo geografico hanno portato alla creazione di alcuni gironi che si giocheranno quasi interamente in terra di Bari; con grande risparmio di risorse da parte delle società interessate”.
Nella passata stagione a trionfare, rispettivamente tra gli Allievi e tra i Giovanissimi, sono state due baresi: l’Aurora Calcio e la Virtus Bari. Prevede sorprese, potrebbe emergere qualche nuova realtà?
“Quelle che lei hai citato sono due squadre di antica tradizione che portano avanti questo progetto calcistico con serietà, con attaccamento ai giovani. C’è da dire che non sono le uniche: la Pro Inter, la Wonderful tanto per citarne alcune, ma l’elenco sarebbe veramente lungo. In più ogni anno c’è una sorpresa, una squadra rivelazione”.
Quali iniziative la Figc Puglia metterà in campo per le categorie giovanili, oltre i campionati regionali?
“Le iniziative saranno molteplici. A cominciare dal “Premio Ciccio e Tore”, organizzato in collaborazione proprio con “Barisera”, per continuare con la “Terza festa del calcio giovanile pugliese”; e ancora con la “Coppa Disciplina”, sponsorizzata dall’Acquedotto Pugliese, che mira a premiare le società che si sono maggiormente distinte sotto l’aspetto disciplinare. Poi, a latere, ci sono i campionati provinciali organizzati dalle delegazioni locali della Figc”.
Parliamo delle rappresentative regionali. Lo sfortunato percorso degli Allievi, battuti in semifinale a causa di un autogol al termine di una partita dominata dai pugliesi lascia un po’ l’amaro in bocca. Lo stesso vale per i Giovanissimi, arrivati ad un passo dall’ingresso in semifinale. Per la prossima stagione è lecito aspettarsi di più?
“Purtroppo il calcio è fatto anche di episodi. Mi auguro che ci possiamo rifare quest’anno con la nuova rappresentativa. Tra l’altro, proprio in questi giorni, la squadra Allievi è impegnata in un torneo internazionale in Montenegro che potrà servire da banco di prova per la costruzione della rappresentativa futura.Colgo l’occasione per ringraziare i tecnici di queste squadre: Quadrello e Lucchese, insieme a tutto il loro staff, stanno portando avanti un lavoro veramente egregio”.