Campioni low cost

Schermata 2013-08-13 alle 15.08.59“Questo è quello che ho guadagnato vincendo due mondiali con tre record in una sola edizione. Fate voi!!!” Lo sfogo via Twitter di Federica Pellegrini (chi vuole può approfondire la vicenda su Repubblica.it) riguardo i 3mila euro ricevuti dalla Federazione nuoto per l’impresa citata permette di allargare un po’ il discorso. Quanti atleti, campioni o medagliati in competizioni internazionali, ricevono dalle proprie Federazioni premi irrisori?

Prendiamo ad esempio uno sport che conosco abbastanza bene: il canottaggio. Il primo posto in un campionato del mondo viene premiato con 20mila euro lordi (a cui vanno sottratte le tasse). Poi ci sono premi che vanno a scalare fino al settimo posto. Ma queste cifre valgono esclusivamente per le specialità olimpiche, che nel canottaggio sono otto. Per tutte le altre sono previsti premi solo per i primi tre classificati, per un massimo di mille euro a testa. Anche la partecipazione alle olimpiadi è premiata con mille euro che, spalmati sui quattro anni di  lavoro necessari per arrivarci, fanno 250 euro l’anno, 21 euro al mese, 70 centesimi al giorno. Un caffè in un bar economico.

In queste condizioni è già un miracolo se gli sportivi italiani che non hanno la fortuna di avere degli sponsor che li sostengono o che non fanno parte di gruppi militari arrivino a competere con nazioni come Australia, Germania e Gran Bretagna che sullo sport investono davvero.

Il caso del premio per i campioni del mondo junior del 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...