Liberalizzazioni stop all’esenzione Imu per la Chiesa

Da Reporternuovo.it

Alla fine è arrivata anche la stangata per i beni immobili di proprietà della Santa Sede. Uno degli emendamenti al decreto “salva Italia” stabilisce “l’abrogazione immediata delle norme che prevedono l’esenzione per gli immobili dove l’attività non commerciale non sia esclusiva, ma solo prevalente”. E’ quanto si apprende da una nota diffusa da Palazzo Chigi.

Procede intanto l’iter di conversione in legge del cosiddetto decreto sulle liberalizzazioni. Ed è battaglia fra governo e partiti. Degli otto emendamenti presentati e concordati con il governo, sei sono stati votati e approvati e due sospesi. Il testo dovrebbe arrivare in aula al Senato mercoledì 29, per poi essere approvato, in prima lettura, venerdì 2. Intanto fra governo e partititi è scontro, soprattutto sul tema taxi. L’emendamento presentato da Pd e Pdl cancella il potere dell’Autorità dei trasporti di emanare nuove licenze e lo riporta in capo a Comuni e Regioni. Se dovesse passare, quindi, i sindaci continueranno a essere i dominus del settore e alla nuova autorità spetterà unicamente il potere di dare pareri non vincolanti. Questo il nodo che stava più a cuore alla categoria e sul quale registrano una prima significativa vittoria. Prevista anche la cancellazione delle doppie licenze e del servizio fuori dal Comune di appartenenza, salvo accordo con il sindaco della città ospitante.

Ancora in fase di studio l’emendamento sulle farmacie. Il Pdl vorrebbe portare il rapporto farmacie/abitanti da 3 mila a 3800; anche se si parla di un possibile accordo a una farmacia ogni 3500 abitanti.

Sul fronte professioni si preannunciano giorni caldi. Gli avvocati hanno indetto uno sciopero dal 15 al 23 marzo. I punti di attrito con l’esecutivo sono due: tariffe e preventivo. Al momento resta in piedi l’impianto del decreto “salva Italia” con l’abolizione dei tariffari e l’obbligatorietà del preventivo che, però, dovrebbe diventare di “massima” e senza illecito per il professionista che si rifiuta di stilaro. Piccolo passo indietro anche sulle società tra professionisti: la partecipazione di soci di capitale non potrebbe superare il 25 per cento.

Si prevede battaglia anche sulla separazione tra Eni e Snam. Il Pdl starebbe spingendo per un ammorbidimento della norma prevista nel decreto. Non più una divisione netta ma un abbassamento della quota Eni al 5%.

Nel suo rapporto annuale sulla crescita, l’Ocse afferma la necessità per il nostro Paese di “ridurre le barriere legislative alla concorrenza” in diversi settori, tra cui ”le professioni, il commercio al dettaglio e i servizi locali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...